Seguimi su Youtubue
Iscriviti
Se desideri, puoi effettuare un'iscrizione gratuita al forum per entrare nella nostra community.
Ricerca Avanzata
Pubblicità Google AdSense
Answers
Se necessiti di aiuto, clicca il pulsante "Cerco Aiuto" (disponibile anche per i non iscritti).
Ultimi argomenti
» TOP 5 oggetti che perdi spesso
Da Poderak Gio Lug 13, 2017 4:26 pm

» arduino e ethernet shield tutorial 3
Da mariogori Ven Lug 07, 2017 8:52 pm

» Arduino comandato da cellulare
Da Poderak Ven Lug 07, 2017 6:17 pm

» Simulatore di navi: Traino nave in avaria - European Ship Simulator
Da Poderak Sab Lug 01, 2017 1:16 pm

» arduino e ethernet shield tutorial 3
Da Poderak Gio Giu 29, 2017 8:05 pm

» Farming Simulator 2018 logo
Da Poderak Ven Giu 23, 2017 3:29 pm

» Codice display a 7 segmenti - Arduino
Da fulvio Ven Giu 02, 2017 10:00 am

» DUE SKETCH INSIEME? SI PUO' FARE?
Da Alessandro2003 Mer Mag 31, 2017 6:37 pm

» Smartphone sotto i 70€ economico: Winnovo K43
Da Poderak Mar Mag 30, 2017 10:32 am

I postatori più attivi del mese
Poderak
 
mariogori
 
andrea0099
 

A Zacinto | Ugo Foscolo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

A Zacinto | Ugo Foscolo

Messaggio Da Poderak il Sab Nov 19, 2011 11:13 am


A Zacinto

Né più mai toccherò le sacre sponde

Ove il mio corpo fanciuletto giacque,

Zacinto mia, che te specchi nell’onde

Del greco mar, da cui vergine nacque

Venere, e fea quell’isole feconde

Col suo primo sorriso, onde non tacque

Le tue limpide nubi e le tue fronde

L’inclito verso di colui che l’acque

Cantò fatali, ed il diverso esiglio

Per cui bello di fama e di sventura

Baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

Tu non altro che il canto avrai del figlio,

o materna mia terra; a noi prescrisse

il fato illacrimata sepoltura.

Parafrasi:
Io non potrò mai piu’ toccare le sacre sponde dove il mio corpo da piccolo giacque; o Zante mia, che ti rispecchi nelle onde del mare greco dal quale nacque la dea vergine Venere, e rese feconde quelle isole attraverso il suo primo sorriso, motivo per cui l’ alta poesia di Omero non potè non parlare del tuo limpido cielo, e delle avventure di Ulisse per il mare governato dal fato e l’ esilio di colui, bello per la fama e per la disgrazia, che è arrivato alla fine a baciare la sua Itaca piena di pietre. Tu Zacinto non avrai altro che la poesia del tuo figlio, a noi il destino ha ordinato una sepoltura senza lacrime
avatar
Poderak
♔ Amministratore

Messaggi Messaggi : 4196
Crediti Crediti : 11726
Reputazione Reputazione : 186
Data d'iscrizione Data d'iscrizione : 08.03.11
Età Età : 18
Località Località : Brescia

Vedi il profilo dell'utente http://www.wikiinfo.net

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum